29 Apr

Il giardino Shabby, uno stile in forte tendenza

giardino shabby

Lo stile shabby chic è un trend che compare per la prima volta agli inizi degli anni 90 periodo in cui Rachel Ashwell, una nota designer americana, decide di dare vita ad una azienda di mobili e complementi di arredo chiamata appunto Shabby Chic.

La parola shabby è di origine inglese e significa letteralmente “trasandato” e, in abbinamento alla parola chic, richiama uno stile che vuole essere agèe ma al tempo stesso di classe.

Lo shabby è caratterizzato dalla forte tendenza al riciclo e al riutilizzo creativo di elementi e componenti d’arredo antichi, che possono godere così di una seconda vita.
Le peculiarità dello stile shabby si sono imposte velocemente anche all’interno degli spazi verdi: i primi esempi si vedono infatti a partire dalla metà dagli anni 2000.

Per i nostri giardini shabby le caratteristiche sono le stesse che utilizziamo all’interno delle nostre case: i colori degli arredi sono chiari (bianco, lilla e colori pastello) e il mobilio è di legno dall’effetto volutamente usurato, spesso dipinto a mano e decorato con tecniche fai da te. L’arte del riciclo creativo fa da padrona: non è inusuale infatti imbattersi in vecchi bancali trasformati in tavolini e in antiche cassettiere o tazze da te’ dai colori tenui utilizzate come vasi. Non possono mai mancare vecchi catini e annaffiatoi in zinco old-style, lanterne dai colori chiari e vasi di ghisa arricchiti con erbe aromatiche e lavanda. Per rendere il tutto ancora più shabby è possibile aggiungere gabbie e gabbiette decorative dall’effetto vintage, agganciandole al pergolato o adagiandole su sedie e tavoli d’epoca.

Per un giardino perfettamente in linea con questo stile potete scegliere di utilizzare piante rampicanti come il glicine, l’edera e la vite da far crescere lungo un pergolato che vi regalerà penombra nelle giornate estive. Particolarmente adatta al giardino shabby è la passeggiata di ghiaia circondata da erba rigogliosa: aggiungete arbusti bassi e cespugli fioriti con lillà, peonie o ortensie e l’effetto è garantito!

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MENU