PIANTE DA GIARDINO

Realizzare e mantenere una siepe di cipresso leyland

siepe cipresso

Iniziamo con una breve introduzione, giusto qualche riga per chiarire di quale pianta stiamo parlando. Il cipresso è una delle piante da siepe più comuni e utilizzate, esistono molte specie e tra le più comuni troviamo il cipresso mediterraneo (Cupressus sempervirens), il cipresso dell’Arizona (Cupressus arizonica), il cipresso di Monterey (Cupressus macrocarpa) ed infine il cipresso Leylandii (Cupressocyparis leylandii). Ogni specie di cipresso conta numerose varietà che si differenziano tra loro per forma e colore, ma per non creare maggiore confusione ci limitiamo a parlare della specie di cipresso più amata e utilizzata nel nostro territorio nazionale (e non solo): il Cipresso di Leyland.

Questa specie proviene dal Nord America ha la particolarità di essere un ibrido (un incrocio tra due piante con caratteristiche differenti) tra il cipresso macrocarpa e il Callitropsis nootkatensis creato per pure necessità ornamentali. E’ una pianta sempreverde dal colore verde intenso che cresce molto velocemente (circa 60cm l’anno), è straordinariamente fitta e mantiene un ordinato portamento eretto. Questi sono i motivi principali per cui è considerata essere la pianta più adatta a realizzare in poco tempo un vero e proprio “muro verde”!

Quando piantare una siepe di cipresso

Prima di procedere con la piantumazione delle piante è necessario fare una distinzione tra piante in zolla e piante in vaso. Se devi ancora acquistare le piante ti consigliamo di scegliere solo cipresso in vaso perché, essendo stato allevato in contenitore, le radici si presenteranno ancora tutte intatte e ben sviluppate. Al contrario, un cipresso allevato in piena terra viene estratto dal campo e venduto in zolla con una quantità di radici sensibilmente minore. Facciamo questa distinzione per motivi di attecchimento e cioè di radicamento (la presa) e sviluppo della pianta stessa nel terreno che la ospiterà. Puoi ricordare questa regola: una pianta in vaso ha molte più probabilità di attecchire di una pianta venduta in zolla.

Una pianta in vaso, a differenza di una in zolla, può essere messa a dimora in qualsiasi periodo dell’anno evitando però i mesi più caldi e freddi. Anche se la piantumazione può essere effettuata in estate e inverno si consiglia generalmente di mettere le piante a dimora in primavera e ancora meglio in autunno.

Come piantare una siepe di cipresso

La piantumazione è una operazione per certi versi molto delicata poiché una volta messe a dimora, le piante non potranno più essere trapiantate in altri luoghi. Le piante di cipresso in vaso non amano gli spostamenti, sarà quindi necessario individuare in modo definitivo il luogo in cui si vorrà creare la siepe.

La prima regola da rispettare quando ci si accinge a realizzare una siepe in cipresso è la distanza che ci deve essere tra una pianta e l’altra. Anche se ti sembrerà eccessivo, la distanza consigliata è di 70-90cm. Una siepe appena realizzata con delle piante relativamente giovani la cui altezza non supera gli 80cm e i 20cm di larghezza potrebbe sembrare tutt’altro che una barriera verde ma piuttosto un semplice filare alberato.

La distanza suggerita tra una pianta e l’altra deve essere di almeno 70-90cm per permettere ad ogni esemplare di cipresso leyland (nel nostro caso) di svilupparsi liberamente e naturalmente in larghezza, una distanza inferiore potrebbe seriamente compromettere l’estetica della vostra siepe.

Altro importantissimo fattore da tenere in considerazione (d’obbligo anche se non determinante) è la distanza dal recinto o confine della proprietà. La distanza deve essere di almeno 50cm, questa è una regola dettata dall’art.892 del codice civile, salvo regolamenti diversi a livello locale. Ti consigliamo di informarti presso il comune di residenza per essere certo che non si debba rispettare una distanza differente.

Dopo aver individuato e contrassegnato i luoghi in cui le piante verranno messe a dimora è l’ora di procedere con il vero e proprio impianto della nuova siepe. Di seguito suggeriamo il procedimento necessario a realizzare una siepe in modo corretto:

Fase 1: Scavare le buche

Dopo aver contrassegnato a debita distanza (ogni 70-90cm) i luoghi in cui piantare gli esemplari di cipresso (normalmente si usano dei semplici paletti in legno) è il momento di scavare le buche. Per ogni pianta scavare una buca delle dimensioni leggermente più grandi del contenitore della pianta stessa.

Fase 2: Preparare le piante alla messa a dimora

Un passaggio da non sottovalutare è la preparazione delle piante, questo significa creare le condizioni ideali a favorire l’attecchimento degli esemplari di cipresso. Per fare ciò è necessario annaffiare abbondantemente (per circa 10 minuti) le piante ancora in vaso e successivamente rimuovere il contenitore.

Fase 3: Disporre le piante

Ora è possibile disporre le piante di cipresso all’interno delle buche precedentemente scavate adagiando il pan di terra (la “zolla” della pianta senza contenitore) sul fondo delle buca. Una volta posizionate le piante è necessario aggiungere una manciata di terriccio e concime in modo da riempire a metà la buca. Il terriccio ideale per eseguire correttamente questa operazione è il terriccio con perlite vip, per essere chiari basta la quantità di 1 sacco da 20l distribuita su 8-9  piante. Per quanto riguarda il concime, il più adatto è sicuramente il concime per conifere Compo oppure un concime per conifere biologico, ne basta poco…fai sempre attenzione alle dosi suggerite e non esagerare mai!

Fase 4: Conclusione dei lavori

Dopo aver disposto le piante e aggiunto terriccio e concime è ora il momento di prepararsi alla conclusione dei lavori. Prima di interrare nuovamente la terra estratta dallo scavo è vivamente consigliato provvedere a riempire d’acqua le buche ed attendere che il terreno assorba. Con questa operazione semplifichiamo ulteriormente il processo di attecchimento delle piante e diamo disponibilità immediata, al terreno e alle piante, di tutti quei micro e macroelementi contenuti nel concime e necessari a nutrire la siepe di cipresso. Eseguita questa operazione la terra asciutta estratta dagli scavi delle buche può essere introdotta nuovamente assicurandosi di non lasciare “bolle d’aria” esercitando una leggera pressione sul terreno.

Quanto spendere per realizzare una siepe

I prezzi di una siepe in cipresso Leyland variano sostanzialmente dalla lunghezza della siepe (numero di piante necessarie) e dalla grandezza delle piante stesse al momento dell’acquisto.

Sono da tenere in considerazione anche altri costi come ad esempio quello del concime e del terriccio, e se non intendi realizzare tu stesso la siepe sai per certo che i costi della manodopera gonfieranno di molto il prezzo finale.

Mettiamo caso che hai deciso di realizzare da solo una siepe di 15 metri lungo il tuo confine per ragioni di privacy. Scegli il cipresso di Leyland perché si tratta di una pianta a crescita molto rapida (circa 60cm all’anno) che crea una barriera fitta e verde intenso. Tenendo presente che tra una pianta e l’altra si deve mantenere una distanza di 70-90cm il numero di piante necessarie sarà tra 16 e 21 circa. Su mygreenhelp.com puoi acquistare le piante di cipresso di Leyland in vaso al costo di 5,80€ l’una, presentano un’altezza media della chioma di circa 80-90cm e il diametro del vaso è di 18cm. Per una siepe di 15 metri andrai a spendere circa 100€ (calcolato per circa 18 piante) per le sole piante. Da aggiungere è ancora il concime e il terriccio, entrambi da aggiungere al momento della disposizione delle piante all’interno delle buche. Per i 15 metri di siepe ti serviranno 2 sacchi di terriccio da 20l e una confezione da 1Kg di concime per conifere che sommandosi al costo delle piante determina un prezzo finale di 115€.

Quando potare una siepe di cipresso?

Una siepe di cipresso Leyland non richiede una grande manutenzione, ma solo dei semplici interventi da effettuare a cadenza annuale.

La prima potatura del cipresso di Leyland viene di norma effettuata a fine inverno/inizio primavera, con questa operazione si taglia la siepe all’altezza desiderata utilizzando un comune tagliasiepi (affilato e pulito!) e si procede con un taglio leggero dei rami laterali che sporgono di più. In questo modo la siepe, oltre ad essere contenuta in altezza, viene incoraggiata a svilupparsi ordinatamente anche in larghezza.

Un secondo intervento, non necessario ma consigliato se vuoi ottenere una siepe perfetta, può essere effettuato a fine estate/inizio autunno con le stesse modalità sopra indicate.

Se invece hai appena piantato la tua nuova siepe di cipresso ti consigliamo di procedere (sempre e solo a fine estate/inizio autunno oppure fine inverno/inizio primavera) con una leggera cimatura delle punte e un taglio altrettanto leggero dei rami laterali più sporgenti. Così facendo favorirai una crescita laterale fitta fin dalla base.

2 thoughts on “Realizzare e mantenere una siepe di cipresso leyland

  1. Salvo ha detto:

    salve, vorrei un consiglio. ho piantato questi cipressi circa 3 anni fa. alcuni l’anno scorso. quelli piantati prima hanno raggiunto un’altezza di circa 3 mt, ma non sono mai stati potati. posso tagliarli dalla cima? anche se ancora non hanno l’altezza che io voglio realizzar

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera Salvo,
      si assolutamente ti consigliamo di tagliare le cime, massimo un metro.
      Potare la pianta è necessario per rinforzare il tronco e i rami, una pianta di leyland lasciata crescere senza mai essere potata è debole (il tronco è più esile) e può essere più facilmente danneggiata o addirittura abbattuta dal vento. Un altro motivo per il quale dovresti procedere con una potatura è che la pianta diventa più folta, così facendo si va a stimolare la crescita della pianta in larghezza migliorando quindi l’estetica generale della stessa.
      Nella speranza di esserti stati d’aiuto ti auguriamo una buona serata.
      Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *