PIANTE DA GIARDINO, Piante da siepe

Realizzare e mantenere una siepe di cipresso leyland

siepe cipresso

Iniziamo con una breve introduzione, giusto qualche riga per chiarire di quale pianta stiamo parlando. Il cipresso è una delle piante da siepe più comuni e utilizzate, esistono molte specie e tra le più comuni troviamo il cipresso mediterraneo (Cupressus sempervirens), il cipresso dell’Arizona (Cupressus arizonica), il cipresso di Monterey (Cupressus macrocarpa) ed infine il cipresso Leylandii (Cupressocyparis leylandii). Ogni specie di cipresso conta numerose varietà che si differenziano tra loro per forma e colore, ma per non creare maggiore confusione ci limitiamo a parlare della specie di cipresso più amata e utilizzata nel nostro territorio nazionale (e non solo): il Cipresso di Leyland.

Questa specie proviene dal Nord America ha la particolarità di essere un ibrido (un incrocio tra due piante con caratteristiche differenti) tra il cipresso macrocarpa e il Callitropsis nootkatensis creato per pure necessità ornamentali. E’ una pianta sempreverde dal colore verde intenso che cresce molto velocemente (circa 60cm l’anno), è straordinariamente fitta e mantiene un ordinato portamento eretto. Questi sono i motivi principali per cui è considerata essere la pianta più adatta a realizzare in poco tempo un vero e proprio “muro verde”!

Quando piantare una siepe di cipresso

Prima di procedere con la piantumazione delle piante è necessario fare una distinzione tra piante in zolla e piante in vaso. Se devi ancora acquistare le piante ti consigliamo di scegliere solo cipresso in vaso perché, essendo stato allevato in contenitore, le radici si presenteranno ancora tutte intatte e ben sviluppate. Al contrario, un cipresso allevato in piena terra viene estratto dal campo e venduto in zolla con una quantità di radici sensibilmente minore. Facciamo questa distinzione per motivi di attecchimento e cioè di radicamento (la presa) e sviluppo della pianta stessa nel terreno che la ospiterà. Puoi ricordare questa regola: una pianta in vaso ha molte più probabilità di attecchire di una pianta venduta in zolla.

Una pianta in vaso, a differenza di una in zolla, può essere messa a dimora in qualsiasi periodo dell’anno evitando però i mesi più caldi e freddi. Anche se la piantumazione può essere effettuata in estate e inverno si consiglia generalmente di mettere le piante a dimora in primavera e ancora meglio in autunno.

Come piantare una siepe di cipresso

La piantumazione è una operazione per certi versi molto delicata poiché una volta messe a dimora, le piante non potranno più essere trapiantate in altri luoghi. Le piante di cipresso in vaso non amano gli spostamenti, sarà quindi necessario individuare in modo definitivo il luogo in cui si vorrà creare la siepe.

La prima regola da rispettare quando ci si accinge a realizzare una siepe in cipresso è la distanza che ci deve essere tra una pianta e l’altra. Anche se ti sembrerà eccessivo, la distanza consigliata è di 70-90cm. Una siepe appena realizzata con delle piante relativamente giovani la cui altezza non supera gli 80cm e i 20cm di larghezza potrebbe sembrare tutt’altro che una barriera verde ma piuttosto un semplice filare alberato.

La distanza suggerita tra una pianta e l’altra deve essere di almeno 70-90cm per permettere ad ogni esemplare di cipresso leyland (nel nostro caso) di svilupparsi liberamente e naturalmente in larghezza, una distanza inferiore potrebbe seriamente compromettere l’estetica della vostra siepe.

Altro importantissimo fattore da tenere in considerazione (d’obbligo anche se non determinante) è la distanza dal recinto o confine della proprietà. La distanza deve essere di almeno 50cm, questa è una regola dettata dall’art.892 del codice civile, salvo regolamenti diversi a livello locale. Ti consigliamo di informarti presso il comune di residenza per essere certo che non si debba rispettare una distanza differente.

Dopo aver individuato e contrassegnato i luoghi in cui le piante verranno messe a dimora è l’ora di procedere con il vero e proprio impianto della nuova siepe. Di seguito suggeriamo il procedimento necessario a realizzare una siepe in modo corretto

Fase 1: Scavare le buche

Dopo aver contrassegnato a debita distanza (ogni 70-90cm) i luoghi in cui piantare gli esemplari di cipresso (normalmente si usano dei semplici paletti in legno) è il momento di scavare le buche. Per ogni pianta scavare una buca delle dimensioni leggermente più grandi del contenitore della pianta stessa.

Fase 2: Preparare le piante alla messa a dimora

Un passaggio da non sottovalutare è la preparazione delle piante, questo significa creare le condizioni ideali a favorire l’attecchimento degli esemplari di cipresso. Per fare ciò è necessario annaffiare abbondantemente (per circa 10 minuti) le piante ancora in vaso e successivamente rimuovere il contenitore.

Fase 3: Disporre le piante

Ora è possibile disporre le piante di cipresso all’interno delle buche precedentemente scavate adagiando il pan di terra (la “zolla” della pianta senza contenitore) sul fondo delle buca. Una volta posizionate le piante è necessario aggiungere una manciata di terriccio e concime in modo da riempire a metà la buca. Il terriccio ideale per eseguire correttamente questa operazione è il terriccio con perlite, per essere chiari basta la quantità di 1 sacco da 20l distribuita su 8-9  piante. Per quanto riguarda il concime, il più adatto è sicuramente il concime per conifere Compo oppure un concime per conifere biologico, ne basta poco…fai sempre attenzione alle dosi suggerite e non esagerare mai!

NOVITA’: Abbiamo ideato un kit di prodotti biologici utili a migliorare la fase di piantumazione e mantenere le piante per 12 mesi, incluso programma degli interventi. Scopri il kit piantumazione piante e manutenzione

Fase 4: Conclusione dei lavori

Dopo aver disposto le piante e aggiunto terriccio e concime è ora il momento di prepararsi alla conclusione dei lavori. Prima di interrare nuovamente la terra estratta dallo scavo è vivamente consigliato provvedere a riempire d’acqua le buche ed attendere che il terreno assorba. Con questa operazione semplifichiamo ulteriormente il processo di attecchimento delle piante e diamo disponibilità immediata, al terreno e alle piante, di tutti quei micro e macroelementi contenuti nel concime e necessari a nutrire la siepe di cipresso. Eseguita questa operazione la terra asciutta estratta dagli scavi delle buche può essere introdotta nuovamente assicurandosi di non lasciare “bolle d’aria” esercitando una leggera pressione sul terreno.

Quanto spendere per realizzare una siepe

I prezzi di una siepe in cipresso Leyland variano sostanzialmente dalla lunghezza della siepe (numero di piante necessarie) e dalla grandezza delle piante stesse al momento dell’acquisto.

Sono da tenere in considerazione anche altri costi come ad esempio quello del concime e del terriccio, e se non intendi realizzare tu stesso la siepe sai per certo che i costi della manodopera gonfieranno di molto il prezzo finale.

Mettiamo caso che hai deciso di realizzare da solo una siepe di 15 metri lungo il tuo confine per ragioni di privacy. Scegli il cipresso di Leyland perché si tratta di una pianta a crescita molto rapida (circa 60cm all’anno) che crea una barriera fitta e verde intenso. Tenendo presente che tra una pianta e l’altra si deve mantenere una distanza di 70-90cm il numero di piante necessarie sarà tra 16 e 21 circa. Su mygreenhelp.com puoi acquistare le piante di cipresso di Leyland in vaso al costo di 5,80€ l’una, presentano un’altezza media della chioma di circa 80-90cm e il diametro del vaso è di 18cm. Per una siepe di 15 metri andrai a spendere circa 100€ (calcolato per circa 18 piante) per le sole piante. Da aggiungere è ancora il concime e il terriccio, entrambi da aggiungere al momento della disposizione delle piante all’interno delle buche. Per i 15 metri di siepe ti serviranno 2 sacchi di terriccio da 20l e una confezione da 1Kg di concime per conifere che sommandosi al costo delle piante determina un prezzo finale di 115€.

> Acquista ora piante in vaso di Cipresso Leyland

Quando potare una siepe di cipresso?

Una siepe di cipresso Leyland non richiede una grande manutenzione, ma solo dei semplici interventi da effettuare a cadenza annuale.

La prima potatura del cipresso di Leyland viene di norma effettuata a fine inverno/inizio primavera, con questa operazione si taglia la siepe all’altezza desiderata utilizzando un comune tagliasiepi (affilato e pulito!) e si procede con un taglio leggero dei rami laterali che sporgono di più. In questo modo la siepe, oltre ad essere contenuta in altezza, viene incoraggiata a svilupparsi ordinatamente anche in larghezza.

Un secondo intervento, non necessario ma consigliato se vuoi ottenere una siepe perfetta, può essere effettuato a fine estate/inizio autunno con le stesse modalità sopra indicate.

Se invece hai appena piantato la tua nuova siepe di cipresso ti consigliamo di procedere (sempre e solo a fine estate/inizio autunno oppure fine inverno/inizio primavera) con una leggera cimatura delle punte e un taglio altrettanto leggero dei rami laterali più sporgenti. Così facendo favorirai una crescita laterale fitta fin dalla base.

Quando e quanto annaffiare una siepe di cipresso Leyland?

Una domanda che ci viene fatta di frequente riguarda le annaffiature della siepe realizzata con cipressi di leylandii. E’ importante innanzitutto sapere che l’irrigazione è una operazione fondamentale per la crescita di ogni pianta e allo stesso tempo molto delicata in quanto eccessive o ridotte quantità potrebbero provocare dei problemi.

Una siepe appena realizzata, anche con piante adulte, necessita di più acqua rispetto ad una siepe già insediata da qualche anno.

I primi mesi successivi all’impianto sono quelli più delicati, bisogna sicuramente annaffiare le piante regolarmente ma assolutamente non ogni giorno! Non esiste una regola precisa. In generale è buona regola irrigare quando la terra è asciutta assicurandosi di bagnare bene la pianta affinché l’acqua raggiunga la zolla. Il tempo tra una annaffiatura e l’altra è relativo e dipende essenzialmente dal clima. Ovviamente, le annaffiature saranno più frequenti in primavera-estate e meno in autunno-inverno.

Domande frequenti dai nostri clienti

Cosa fare per mantenerla negli anni ad un’altezza massima di 2mt/2,5mt e larga 50/60cm al massimo?

La siepe deve essere potata continuamente, almeno due volte l’anno. La potatura stimola la crescita in altezza e larghezza e infoltisce la pianta.

Considerato che è una pianta che può raggiungere i 25/30 mt in altezza e 5mt o più in larghezza, se per un qualunque motivo non dovessi riuscire a potarla per una o più stagioni rischierei di non poterla riportare più indietro?

Si! questo perchè la pianta perderebbe l’infoltimento, più viene potatata più si infittisce.

Ho messo a dimora una quarantina di piante leyland circa una settimana fa, purtroppo da qualche giorno imperversa un forte vento che ha piegato le piante stesse nonostante le avessi legate ad una struttura con fil di ferro. Per ridare una forma appropriata alla pianta devo sradicarla e metterla nuovamente a dimora?

Non serve sradicarle, è necessario bagnare prima bene il terreno in modo da renderlo più “sciolto” e raddrizzare a mano le piante.

Ho piantato questi alberi 3 anni fa ma a causa del vento si sono piegati e non riesco a tenerli dritti, come potrei fare?

Il consiglio che possiamo dare è quello di bagnare prima il terreno per renderlo più sciolto, scavare attorno alla pianta, raddrizzarla con cautela e piantare un palo di sostegno che l’aiuti a mantenersi dritta. Fatto questo si dovrebbe anche accorciare di circa 15cm i rami più lunghi sia in altezza che ai lati, ma senza esagerare.

Vorrei piantare una siepe di leylandii (una trentina di piante per una lunghezza di circa 23 metri). Volevo sapere qual’è la stagione più adatta per piantare. So che è preferibile l’autunno ma vorrei comunque farlo adesso in primavera. Ci sono controindicazioni?

Le stagioni migliori per piantare una siepe sono sicuramente l’autunno e la primavera. In linea di massima le piante in vaso possono essere piantate in qualsiasi momento dell’anno evitando però periodi troppo freddi o caldi.

Articoli correlati

86 commenti per “Realizzare e mantenere una siepe di cipresso leyland

  1. Salvo ha detto:

    salve, vorrei un consiglio. ho piantato questi cipressi circa 3 anni fa. alcuni l’anno scorso. quelli piantati prima hanno raggiunto un’altezza di circa 3 mt, ma non sono mai stati potati. posso tagliarli dalla cima? anche se ancora non hanno l’altezza che io voglio realizzar

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera Salvo,
      si assolutamente ti consigliamo di tagliare le cime, massimo un metro.
      Potare la pianta è necessario per rinforzare il tronco e i rami, una pianta di leyland lasciata crescere senza mai essere potata è debole (il tronco è più esile) e può essere più facilmente danneggiata o addirittura abbattuta dal vento. Un altro motivo per il quale dovresti procedere con una potatura è che la pianta diventa più folta, così facendo si va a stimolare la crescita della pianta in larghezza migliorando quindi l’estetica generale della stessa.
      Nella speranza di esserti stati d’aiuto ti auguriamo una buona serata.
      Saluti

    2. Manuel ha detto:

      Buongiorno, vorrei piantare nel mio giardino piante di cipresso leyland, vorrei sapere quante piante prendere per un giardino di 36 metri lineari, e ogni quanto vanno annaffiate.
      Grazie

      1. My Green Help ha detto:

        Buongiorno Manuel,

        per 36 metri lineari di siepe ci vogliono 45 piante se le pianti ad una distanza di 80cm. I primi mesi successivi all’impianto sono quelli più delicati per le annaffiature. Dovrai irrigare quando vedi che la terra è asciutta e assicurarti di bagnare bene la pianta affinché l’acqua raggiunga la zolla. Il tempo tra un’annaffiatura e l’altra è relativo e dipende essenzialmente dal clima. Le irrigazioni saranno più frequenti in primavera estate e meno in autunno inverno. Tieni anche presente che eccessive irrigazioni non fanno bene alla pianta.

        Restiamo a disposizione
        Saluti

  2. Aldo ha detto:

    Buongiorno, ho delle siepi (circa 130 piante piantatae a 60 centimetri l’una dall’altra) di circa 10 anni, ad oggi sono molto rigogliose e belle folte avendole sempre tagliate 2 volte all’anno. L’altezza è di circa 2,5 metri e vorrei abbassarle fino ad un’altezza di 2 metri quindi tagliare circa 50 cm di siepe. Questa operazione è consigliabile, o la pianta soffrirebbe per un taglio così importante? Se tale operazione è fattibile, in quale periodo è opportuno effettuare il taglio e quali accorgimenti è meglio adottare?
    Grazie mille

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno e scusi per la risposta ritardata
      Certamente è possibile abbassare l’altezza di 50cm, di norma non si deve potare per più di un terzo dell’altezza della pianta. Il periodo migliore per effettuare questa operazione è sicuramente fine estate – autunno perchè la pianta va verso il riposo vegetativo. Accorgimenti particolari non ce ne sono.
      A disposizione
      Saluti

  3. Giovanni ha detto:

    Salve, possiedo un filare di cipressi neri toscani posti ad 1 metro e 30 di distanza. Vorrei completare e quindi chiudere la siepe tra i vari cipressi con dei cipressi leyland… possono convivere tranquillamente? Il leyland riesce a chiudere la siepe a circa 70 cm di distanza dal cipresso toscano?

    Grazie anticipatamente

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno, certamente può piantare dei cipressi leylandii per creare una siepe mista. Con una distanza a 70cm il cipresso di Leyland chiude bene, avrà comunque necessità di maggiore manutenzione (potature) rispetto al cipresso toscano. A disposizione

  4. Davide ha detto:

    Buongiorno, volevo sapere se è possibile piantare questo tipo di siepe in *vasche* di cemento di circa 75 cm di altezza e altrettanti di profondità (come quelle della foto allegata nel sito web) anziché in piena terra, e quanto possono crescere in altezza in queste condizioni. Grazie e complimenti per la chiarezza dell’articolo.

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Davide,
      puoi tranquillamente piantarle in queste vasche. In queste condizioni possono arrivare anche fino a 2 metri di altezza, la crescita si arresta non appena le radici non hanno più spazio per crescere all’interno del vaso. Grazie per a te 🙂
      Restiamo a disposizione

  5. Michele ha detto:

    Ciao ho una delle piante di leylandii ma non sono molto rigogliose alcune addirittura in 3 mesi non sono cresciute di un centimetro cosa posso fare GRAZIE

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Michele,
      le cause possono essere molte, puoi inviarci delle foto del problema a [email protected], saremo così in grado di analizzare meglio la situazione.
      A disposizione
      Saluti

  6. mocciagiu1 ha detto:

    Salve domani dovrò piantare delle leylandii per realizzare una siepe…sono circa 20 metri lineari ed ho acquistato 35 piante, va bene? Se si le pianto ad una distanza di 57 cm una dall’altra. Una volta piantate dovrò potarle leggermente sopra? Alla fine di tutto dopo qualche anno così facendo come ho scritto sopra, riuscirò a creare una sorta di muro verde? O dovrò mettere meno piante e distanziarle di più? Così da permettere di farle crescere meglio? Grazie mille.

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,
      a nostro avviso la distanza d’impianto è troppo ridotta, normalmente ci si tiene a 70cm minimo e 90cm massimo tra una pianta e l’altra. Una 30ina di piante sono più che sufficienti per 20 metri lineari con una distanza d’impianto di 70cm. Se piantate troppo ravvicinate le piante non si sviluppano in larghezza come dovrebbero e crescerebbero maggiormente in altezza. La potatura non è necessaria al momento dell’impianto, può eseguirla tranquillamente a primavera.
      A disposizione
      Saluti

  7. Luigi ha detto:

    Salve, ho una siepe piantata circa un anno e mezzo fa ed oggi mi sono accorto che due piante vicine hanno delle foglie rossicce, per quasi una meta pianta. Sapete dirmi di cosa si tratta ed eventuali interventi da fare? Grazie

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera Luigi,

      inviaci pure una o più foto delle piante a [email protected] così riusciamo ad individuare meglio il problema.
      A disposizione.

  8. Daniela ha detto:

    Salve, sono intenzionata a creare una siepe lungo il perimetro del mio giardino, che però dovra avere altezza massima in alcuni punti di 5/6 metri. Il Leylandii va bene? e quando consigliate di piantarlo?

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera Daniela,

      Il Leyland è un’ottima scelta, cresce velocemente e può anche raggiungere altezze molto superiori! Se acquisti delle piante in vaso, come le nostre, puoi piantarle tutto l’anno…anche se di norma il lavoro si fa in questo periodo (autunno) e primavera appunto per evitare le stagioni eccessivamente fredde e calde che potrebbero rendere più complicato l’attecchimento.

      Restiamo a disposizione

      PS
      se vuoi dare un’occhiata alle piante di Leyland in vendita nel nostro sito segui il seguente link:
      https://www.mygreenhelp.com/negozio/vendita-piante-online/piante-da-siepe/cipresso-leilandi/

  9. Cristina ha detto:

    Buongiorno , abbiamo piantato il cipresso leyland da tre anni , su tutto un perimetro di circa 30 mt, a 50 cm di distanza uno dall’altro, indicazione data dal vivaio dove li abbiamo acquistati , adesso ci consigliano di tirarne via tra uno e l’altro , e non sappiamo se è strettamente necessario, oppure dobbiamo seguire il consiglio , perché ci dicono che a distanza di un decennio ci cadranno, perché le radici andranno ad interferire fra di loro. Cosa mi consigliate di fare ?

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Cristina,

      50cm tra una pianta e l’altra non è una distanza ideale. Piantando il cipresso a questa distanza avrai sicuramente ottenuto una siepe fitta e ben formata in modo quasi immediato…ma alcuni problemi di stabilità potrebbero sorgere in futuro. Tutto dipende da quanto alta vuoi la siepe. Se mantieni la siepe costantemente ad un’altezza massima di 3 metri, le piante non avranno problemi di stabilità anche se distanziate di 50cm. Se invece vuoi ottenere delle piante più alte, allora segui il consiglio del vivaio. Ricorda che quando una pianta cresce in altezza (e larghezza) si sviluppa di conseguenza anche l’apparato radicale, pertanto con piante molto alte e distanziate di soli 50 cm è quasi inevitabile che la radici vadano in “conflitto” perchè appunto non trovando lo spazio ideale per svilupparsi e ancorarsi bene al terreno.

      Restiamo a disposizione

  10. massimo ha detto:

    salve ho appena piantato 20 piante di Leylandii alte 1 metro , a 70cm l’una dall’altra, volevo sapere innaffiamento come deve esser fatto? grazie

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Massimo,

      grazie per aver fatto questa domanda perchè tante volte si pensa che le annaffiature durante la stagione autunnale e invernale non siano necessarie. Le annaffiature vanno fatte almeno 1 volta al mese apportando l’acqua alle sole piante e non al terreno vicino. Dovresti anche aggiungere uno strato di corteccia o terra asciutta sulla superficie in corrispondenza di ogni pianta. Questo aiuta a mantenere stabile la temperatura del terreno e scongiurare possibili gelate a livello radicale nei prossimi mesi.

      Restiamo a disposizione

  11. Andrea Lucchi ha detto:

    Salve, una domanda: sarebbe mia intenzione creare una piccola siepe in cipresso di Leyland ma credo che nel mio giardino non ci siano più di 50 cm di terreno essendo posto sopra ad un solaio. Possono bastare? Grazie per l’eventuale risposta.

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera Andrea,

      50cm possono bastare, ricorda però che l’altezza delle piante deve essere mantenuta sotto i 2 metri. Altezze superiori potrebbero fare danni a causa dell’apparato radicale che necessita di più spazio!

      Restiamo a disposizione
      Saluti

  12. Alessandro Lonzi ha detto:

    Salve

    io ho una lunga siepe su tutto il confine di cipresso di Leyland , oramai ha + di 10 anni e alcuni tronchi cominciano a essere grossi. Il confine su tutto il perimetro è di circa 80 metri ma ora alcune piante stanno ingiallendo io le poto e tolgo la parte “morta” ma la siepe ha delle chiazze vuote antiestetiche…come posso rimediare? ho fatto bene a fare una netta potatura?
    All’interno della siepe dove il sole non raggiunge i rami la siepe è praticamente vuota…..

    grazie per la risposta….

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera Alessandro,

      per rispondere nel modo più corretto al tuo quesito dovresti mandarci delle foto. Puoi inviarle a [email protected]

      Restiamo a disposizione
      Saluti

  13. Stefan ha detto:

    Buongiorno, ho piantato a fine aprile 2019 dei cipressi di leylandii, prov.di Lecco (n.130, circa 80 cm di altezza) per formare una siepe… La maggior parte sono già cresciute tanto nonostante una prima potatura delle punte. Quando mi consigliate di potare punte e rami, inizio marzo? Luna calante? Alcune piantine, per pareggiarle con le altre, dovrei tagliarle anche di 50 cm. Dovrei usare il mastice?

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Stefan,

      la potatura può effettuarla a marzo inoltrato quando le giornate sono più calde e non c’è il rischio di gelate. In questo modo la pianta si potrà cicatrizzare naturalmente senza andare ad utilizzare il mastice. Le consigliamo, inoltre, di procedere con un trattamento a base di rame dopo aver effettuato il taglio per evitare la diffusione di malattie funginee.

      Restiamo a disposizione
      Saluti

  14. Leo ha detto:

    Buonasera io ho appena piantato una una 30 di piante leylandii volevo sapere come devo procedere per annaffiarli come mi regolo ogni giorno oppure hanno bisogno di poca acqua?

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Leo,

      I primi mesi successivi all’impianto sono quelli più delicati, devi sicuramente annaffiarle regolarmente ma assolutamente non ogni giorno! Non esiste una regola precisa. Dovrai irrigare quando vedi che la terra è asciutta e assicurarti di bagnare bene la pianta affinché l’acqua raggiunga la zolla. Il tempo tra un’annaffiatura e l’altra è relativo e dipende essenzialmente dal clima. Le irrigazioni saranno più frequenti in primavera estate e meno in autunno inverno. Tieni anche presente che eccessive irrigazioni non fanno bene alla pianta.

      Restiamo a disposizione
      Saluti

  15. Oscar ha detto:

    Buongiorno, ho una siepe di leylandii e a primavera farò eseguire la seconda potatura da quando le ho piantate. Ho preso piante già adulte di circa 3 metri e vorrei farle arrivare ad almeno 4-4.5 per riparare il giardino dalla vista della palazzina di fronte: posso arrivare a questa altezza visto che il terrapieno dove sono è di circa 80 cm? Inoltre durante la prima potatura il giardiniere, pur sapendo dell’altezza che volevo raggiungere, mi ha detto che era comunque necessario cimarle ad almeno 2.5 mt altrimenti non avrebbero avuto una crescita laterale: ora sono ricresciute anche in altezza sino a circa 3.5 mt. Posso ancora farle crescere sino all’altezza desiderata? Ultima domanda: quando e quanto vanno concimate e con che prodotto? Vi ringrazio per la disponibiltà e attendo una vostra risposta.

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,

      prima di far crescere la siepe all’altezza desiderata le consigliamo di informarsi all’ufficio tecnico del suo comune di residenza per essere certo dell’altezza massima consentita, questa cambia da comune a comune come anche la distanza minima dai confini di proprietà. Se consentito, per far crescere la siepe fino a 4-4.5 metri in altezza deve effettuare un’altro taglio a 3 metri di altezza.
      La siepe va concimata in questo momento con un concime organico come lo stallatico, poi ogni 3 mesi con concimi a lenta cessione. La quantità viene normalmente suggerita nella confezione, ma comunque non è mai bene esagerare.

      Restiamo a disposizione
      Cordiali saluti

  16. Roberto ha detto:

    Buongiorno
    sto pensando di realizzare una siepe lungo la ringhiera del giardino tot. 50mt. circa.
    (lato-1 x 30mt _ – CANCELLO-_ lato-2 x 18mt}.
    La necessità sarebbe quella di ottenere un muro, tra i 2mt e i 2,5mt di altezza massima, per privacy.
    Analizzando la possibilità di poterla creare con questa “siepe di leyland” mi è sorto il seguente dubbio, motivo per il quale vi scrivo:
    – cosa fare per mantenerla negli anni ad un’altezza massima di 2mt/2,5mt e larga 50/60cm al massimo?
    – considerato che è una pianta/albero che può raggiungere i 25/30 mt in altezza e 5mt o più in larghezza, se per un qualunque motivo non dovessi riuscire a potarla per una o più stagioni rischierei di non poterla riportare più indietro?
    Consigliate qualche altro tipo di siepe, magari più facile da gestire?
    Vi ringrazio anticipatamente.

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,

      di seguito le rispondiamo ai suoi quesiti:

      – cosa fare per mantenerla negli anni ad un’altezza massima di 2mt/2,5mt e larga 50/60cm al massimo?

      La deve tenere potata continuamente, almeno due volte l’anno. La potatura stimola la crescita in altezza e larghezza e infoltisce la pianta.

      – considerato che è una pianta/albero che può raggiungere i 25/30 mt in altezza e 5mt o più in larghezza, se per un qualunque motivo non dovessi riuscire a potarla per una o più stagioni rischierei di non poterla riportare più indietro?

      Si! questo perchè la pianta perderebbe l’infoltimento, più la pota più si infittisce.

      – Consigliate qualche altro tipo di siepe, magari più facile da gestire?

      Simili al Leyland (per impatto estetico) il Taxus baccata ad esempio ma anche varietà di Thuja come la “columna”. Sono comunque alternative molto più costose, ma crescono lentamente e non necessitano di costanti potature.

      Se ha piacere può inviarci una mail a [email protected] e indicarci con più precisione le sue necessità, la lunghezza della siepe e dove vuole realizzarla, magari con qualche foto dell’area che ci aiutino a capire meglio. In questo modo possiamo darle un consiglio più personalizzato.

      Restiamo a disposizione
      Saluti

  17. giambattista.colucci ha detto:

    Ho una siepe di cipresso che con gli anni si è svuotata all’interno lasciando svariati vuoti e zone di secco. Mi hanno consigliato di procedere con una potatura radicale per permettere all’albero di rigermogliare e riempirsi nuovamente.
    Voi pensate che vada bene oppure rischio di ritrovarmi con dei tronchi vuoti?
    La mia siepe ha raggiunto una larghezza di un metro e trenta.
    Grazie

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera,
      per nostra esperienza, con una potatura drastica rischia sicuramente di trovarsi con dei tronchi vuoti.
      A disposizione

  18. Marco ha detto:

    Buonasera, ho messo a dimora una quarantina di piante leyland circa una settimana fa , purtroppo da qualche giorno imperversa un forte vento che ha piegato le piante stesse nonostante le avessi legate ad una struttura con fil di ferro. Volevo capire se poteva essere utile , per ridare una forma appropriata alla pianta , sradicarla e metterla nuovamente a dimora . Accetto utili consigli grazie

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera,
      non serve sradicarle, bagni prima bene il terreno in modo da essere più “sciolto” e raddrizzi a mano le piante.
      A disposizione

  19. Monica ha detto:

    Buongiorno,
    vorrei piantare una siepe di leylandii (una trentina di piante per una lunghezza di circa 23 metri). Volevo sapere qual’è la stagione più adatta per piantare. So che è preferibile l’autunno ma vorrei comunque farlo adesso. Ci sono controindicazioni?
    Grazie.
    Saluti cordiali.

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera,
      le stagioni migliori per piantumare una siepe sono sicuramente l’autunno e la primavera. Questo periodo è quindi ideale, in linea di massima potrebbe piantare delle piante in vaso in qualsiasi momento dell’anno evitando però periodi troppo freddi o troppo caldi.
      A disposizione

  20. Marco ha detto:

    Salve ho piantato da 2 giorni delle piccole piante di cipresso leylandii un paio di piante hanno frlle foglioline gialle, un vostro consiglio si riprendono nel tempo? Dovrei mettere del concime? il terreno e un seminativo vergine e il consorzio che me li ha venduti non mi ha detto niente se devo mettere il concime.

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Salvo,

      ti consigliamo di concimare le piante con un concime ternario, un cucchiaio per pianta non di più. Dovresti poi ripetere tra un mese.
      Le annaffiature le esegui ogni 3 giorni in modo abbondante.

      Restiamo a disposizione
      Saluti

  21. Sandro ha detto:

    Buonasera volevo sapere se si possono lasciare anche dentro dei vasi ,perché una decina di metri non posso piantarli grazie

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Sandro,

      certamente, la piante possono restare in vaso anche per molto tempo.

      a disposizione
      Saluti

  22. Antonio ha detto:

    Buonasera, vorrei realizzare una siepe di leylandii sul mio terrazzo utilizzando dei vasi (larghi un metro, profondi circa 70 cm). Ho sentito pareri contrastanti circa la loro sopravvivenza se coltivato in vaso e volevo quindi avere un vostro parere. Nel caso lo riterreste possibile sapreste consigliarmi una giusta distanza ed un concime appropriato? Grazie mille

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Antonio,

      per nostra esperienza quello che vorrebbe realizzare è fattibile senza problemi perché i vasi sono sufficientemente capienti per permettere alle radici di svilupparsi, certo non verrà una siepe alta. Si svilupperà bene in larghezza se mantiene distanze di 70cm tra una pianta e l’altra. Se utilizza un terriccio che presenta già degli elementi nutritivi allora può aspettare a mettere il concime, dopo un mese circa può utilizzare un concime ternario NPK, uno organico oppure un concime specifico per conifere.

      Restiamo a disposizione
      Saluti

      1. Paola ha detto:

        Buongiorno, ho piantato questi alberi 3 anni fa ma a causa del vento si sono piegati e non riesco a tenerli dritti come potrei fare? La ringrazio

        1. My Green Help ha detto:

          Buongiorno Paola,

          il consiglio che ti possiamo dare è quello di bagnare prima il terreno per renderlo più sciolto, scavare attorno alla pianta, raddrizzarla con cautela e piantare un palo di sostegno che l’aiuti a mantenersi dritta. Fatto questo dovresti anche accorciare di circa 15cm i rami più lunghi sia in altezza che ai lati, ma senza esagerare.

          A disposizione
          Saluti

  23. Salvatore Capodanno ha detto:

    Salve, vorrei piantare dei leylandii alle spalle della mia abitazione, e considerato che posso metterle al massimo a due metri da essa, vedere che in futuro le radici potrebbero dare problemi?grazie

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Salvatore,

      a due metri è una distanza buona, le radici non daranno problemi se mantiene la siepe potata…ma si assicuri prima che nel terreno in cui vuole realizzarla non siano presenti tubature.
      A disposizione

  24. Mirko ha detto:

    Salve io ho appena piantato una siepe lunga circa 25 m e ho installato il sistema di gocciolamento del acqua però non so per quanto tempo farla andare… e le piantine non sono belle dritte ma quasi fiappe mosce cosa fosso fare in merito grazie in anticipo

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Mirko,

      Dovrai irrigare quando vedi che la terra è asciutta e assicurarti di bagnare bene la pianta affinché l’acqua raggiunga la zolla. Dovrai quindi testare quanto tempo ci vuole per annaffiare in modo corretto con il sistema in uso. Non sappiamo dirti con esattezza il tempo perché questo dipende da fattori tipo caratteristiche del tubo e pressione. Probabilmente 1 ora o anche 2, ma dipende appunto dalle caratteristiche del sistema. Ricorda comunque che il tempo tra un’annaffiatura e l’altra è relativo e dipende essenzialmente dal clima. Le irrigazioni saranno più frequenti in primavera estate e meno in autunno inverno. Tieni anche presente che eccessive irrigazioni non fanno bene alla pianta. Prova quindi a trovare una soluzione ottimale per l’irrigazione e monitora la salute delle piante.

      a disposizione
      Saluti

  25. Roberto ha detto:

    Salve, ho piantato dei pini layland dell’altezza di circa 1.40mt, a poco più di 1mt di distanza, il terreni è molto ricco di sostanze nutritive e l’acqua non manca quando il terreno è asciutto, come mai alcuni alberelli hanno i rami mosci? Che tendono verso il terreno? Devo intervenire anche ora o devo aspettare che crescano? Grazie.

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,

      potrebbe dipendere da molti fattori. Come e ogni quanto annaffia le piante? il colletto (https://www.mygreenhelp.com/glossario/colletto-della-pianta/) delle piante che presentano il problema è in linea con la superficie del terreno o è interrato?

      a disposizione
      Saluti

  26. Maria Teresa Ciacci ha detto:

    Buongiorno, ho degli alberri (tigli) che interrompono la linea in cui vorrei piantare. È possibile comunque procedere o mi sconsigliate di accostare queste due piante?

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,

      ci potrebbe fornire una foto per capire meglio cosa intende? la può inviare su whatsapp al numero 0434 82582

      a disposizione
      Saluti

  27. Alc ha detto:

    Buongiorno, mi hanno piantato una quarantina di cipressi già alti circa 150/180cm in novembre (io vorrei farli arrivare al massimo a 220. Li hanno messi a 1 metro l’uno dall’altro e chissà quanto tempo ci vorrà prima che si chiudano in una siepe. Purtroppo ho letto solo ora della cimatura per favorire la crescita laterale, ma siamo già quasi a maggio. Li posso cimare o ormai meglio lasciarli così? Grazie!

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera,

      Si, assolutamente da fare ora!
      Tagli pure a 140cm e anche un po ai lati per rinforzare la pianta e farla diventare più fitta. Inoltre si ricordi di concimare con regolarità utilizzando un concime ternario.

      a disposizione
      Saluti

  28. Luca ha detto:

    Il mio giardiniere ha piantato una siepe di Leylandi con una distanza tra le piante di 50 cm. Le piante sono troppo vicine?
    L’anno prossimo dovrò espiantarne la metà per mantenerle a 100 cm di distanza? Cosa mi consiglia?

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,
      Dipende dall’altezza che vuole ottenere. Se vuole che le piante crescano 3 metri o più allora dovrebbe espiantarne la metà e mantenerle ad una distanza di 100cm una dall’altra. Nel caso in cui voglia mantenere altezze di 2 metri allora non è necessario intervenire. Saluti

  29. Claudiu ha detto:

    Buongiorno o piantato delle leylandia 3 messi fa a marzo 2020 a una distanza di 50cm però adesso vorrei togliere e rimettere a una distanza di 70 cm potrei farlo senza danneggiare le radici

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,
      si può farlo con cautela senza danneggiare perchè l’apparato radicale non è ancora sviluppato. Saluti

  30. Rossana ha detto:

    Buongiorno, vorrei piantare il cipresso Leyland in vasi di terracotta che misurano 75 cm.in larghezza(interno), 28 cm.profondità (interno) e cm.33 di altezza(interno). Mi serve sapere se sarà possibile farli arrivare ad un’altezza di circa 2 metri e a una larghezza tale da riempire lo spazio tra i vasi, che sistemerò uno accanto all’altro, con una pianta sola per ogni vaso. Grazie

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Rosanna,

      le consigliamo di piantarne 2 per vasca lasciando uno spazio di circa 50cm tra una pianta e l’altra. La capienza delle vasche permette alle piante di arrivare a 2 metri e di svilupparsi bene anche in larghezza. Deve comunque tenere presente che questo tipo di coltivazione in vaso necessita di una maggiore attenzione rispetto ad una coltivazione in piena terra. Concimazioni e annaffiature dovranno essere più frequenti e ogni 3 anni dovrà aggiungere del terriccio nuovo.

      A disposizione

  31. Marco ha detto:

    Buonasera, intanto complimenti per l’articolo molto preciso e dettagliato.
    Vorrei creare una siepe di cipresso Leyland in giardino, lunga circa 15mt.
    Vi pongo 3 domande:
    1- la siepe voglio che raggiunga un’altezza tra i 3 e i 4mt. Non di meno. A che distanza tra una pianta e l’altra devo metterle?
    2- Questi 15 metri non sono lineari, ovvero i primi 5 metri sarebbero lineari, poi c’è una rientranza e quindi la siepe dovrebbe seguire questa piccola rientranza per poi proseguire nuovamente in linea. Si può fare? O è meglio che la siepe resti tutta lineare?
    3- Vicino alla siepe ci saranno 2 oleandri che ho da qualche anno. È un problema o la siepe “sopporta” la vicinanza con altre piante?
    Grazie mille

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno e grazie per le gentili parole,

      ci scusiamo per la lunga attesa e rispondiamo di seguito ai suoi quesiti:
      1- La distanza d’impianto rimane sempre la stessa, tra 70 e 90cm. Per raggiungere una tale altezza e permettere alle piante di svilupparsi bene in larghezza le suggeriamo 90cm tra una pianta e l’altra.
      2- Non si va a creare alcun problema. Non deve essere per forza lineare, può creare anche delle curve.
      3- La vicinanza è relativa, se piantata a pochi cm di distanza le radici potrebbero entrare in competizione tra loro. Se mantiene una distanza di almeno 50cm allora non ci sono problemi.

      Restiamo a disposizione
      Saluti

      1. Marco ha detto:

        Grazie mille, gentilissimi!
        Ne approfitto per altre domande, dato che dovrà essere lunga 15mt e vanno messe le piante a 90cm l’una dall’altra, ne potrei prendere 17 o 18, giusto?
        Andrei comunque a prendere delle piante alte 1/1,5mt. Vanno portate da subito o prima le lascio crescere e arrivare all’altezza desiderata (3mt)?
        Sono un po’ preoccupato perché ho letto che il leylandii è soggetto a vari problemi, spero non sia così
        Un’ultima cosa, per quanto riguarda la larghezza (ovvero la profondità), posso potare per non avere una profondità esagerata?
        Grazie mille

        1. Marco ha detto:

          Dimenticavo, è fondamentale che la siepe diventi il più fitta possibile, oltre che alta almeno 3mt. Per averla fitta va comunque bene piantarle a 90cm di distanza l’una dall’altra? Non vorrei che mettendole troppo distanti non diventa fitta come vorrei

          1. My Green Help ha detto:

            si certo, l’importante è effettuare le potature per ottenere delle piante fitte e dense. Se vuole che chiuda prima può piantarle anche a 0.8
            a disposizione
            Saluti

        2. My Green Help ha detto:

          Buongiorno Marco,
          certamente siamo a disposizione 🙂
          il calcolo è esatto se piantate a 0,90 cm di distanza. Deve assolutamente potarle prima che arrivino all’altezza desiderata, un paio di volte all’anno almeno. Questo vale per l’altezza e larghezza della pianta.
          Se mette a dimora in questo periodo e le piante non sono molto folte e sviluppate allora può procedere con la potatura a fine inverno / inizio primavera prossimo.
          Una siepe bella e densa si ottiene solamente effettuando delle potature regolari, queste servono a stimolare la pianta a crescere e “buttare” nuovi rami.
          La maggior parte delle volte, le piante si ammalano perchè non viene effettuata una manutenzione corretta. Questa comprende annaffiature regolari (soprattutto nei primi mesi dall’impianto anche se è autunno!), concimazioni (regolari almeno 1-2 volte all’anno) e per stare tranquilli anche dei trattamenti (possibilmente con prodotti bio che potenziano le difese naturali delle piante).

  32. Nic ha detto:

    Buongiorno, ho appena piantato due Leylandii in vaso (purtroppo non è stato possibile in piena terra a causa della scoperta del passaggio di tubazioni) vorrei sapere adesso che ho appena fatto il travaso la pianta e anche da potare per farla rinfoltire?
    Ho chiesto a chi me li ha venduti e mi ha detto di lasciarla crescere in quanto giovane (l’ho presa in un vaso da 18) e fare i tagli In primavera.
    Va bene o sarà tardi ?

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno e grazie per il commento,

      come dice chi te li ha venduti va benissimo aspettare la primavera.

      a disposizione

  33. Sabrina ha detto:

    Buongiorno, ho acquistato una casa con un giardino sopra i garage. La profondità del terreno è di circa 50 cm. È presente una siepe di leylandii alta circa 1.80 cm.
    L’apparato radicale rischia di compromettere la soletta sottostante? Se mantengo la siepe bassa e potata la crescita si arresta? Le piante hanno ormai una decina d’anni. Ho notato che sono emerse in superficie delle radici…cosa ne pensate?

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera e grazie per il commento,

      l’apparato radicale non compromette la soletta sottostante se è presente una guaina antiradice. Il fatto che le radici affiorino in superficie non è un problema, anzi probabilmente non trovando più spazio in profondità cercano di espandersi altrove. Se mantiene bassa la siepe di conseguenza le radici non si svilupperanno molto.

      a disposizione
      Saluti

  34. Alc ha detto:

    Buongiorno, 1 anni fa ho piantato cipressi sul confine per creare col tempo una siepe. Erano alti circa 160-180 cm e veramente striminziti, ma grazie ai consigli che mi avete dato e nonostante la cimatura in primavera sono arrivati già a 229-240 cm e si sono infoltiti moltissimo, al punto 1/3 dell’altezza delle piante già si intreccia nonostante la distanza di circa 100cm.
    Siccome vorrei ottenere col tempo una siepe sui 200-220cm , consigliate di cimarli e/o concimarli (ho preso un granulato ternario come suggerito) anche in questa stagione? Se si, a che altezza?
    Grazie mille ancora per i consigli, sono davvero soddisfatto!

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,

      ci fa molto piacere che i nostri consigli le siano stati utili!
      Può cimarli anche di 20cm in questo periodo e concimarli, ma non con un concime ternario che è adatto alla fase vegetativa. Le consigliamo un ammendante organico per questa stagione, se ha interesse nei nostri prodotti le consiglio un Geosan ammendante bio da leonardite.
      Restiamo a disposizione
      Saluti

  35. Andrea ha detto:

    Salve,

    Ho acquistato casa e ho delle leylandii che sono state lasciate crescere senza che venissero mai potate. Hanno un altezza di circa 12 metri e sono state piantate a circa 1.5 m le une dalle altre.
    Siccome hanno “rubato” parecchio spazio al parcheggio, stavo pensando di potarle lateralmente ma ho paura che rimangano molto diradate, essendo ormai veri e propri alberi. Tagliandole, col tempo, può tornare ad infittirsi?
    Grazie,

    Andrea

    1. My Green Help ha detto:

      Buonasera,
      ci può inviare una o più foto a [email protected] così possiamo rispondere in modo più preciso
      a disposizione
      Saluti

  36. Maila ha detto:

    Salve ho acquistato casa e c’è questa siepe Leylandii ma è troppo alta e larga , volevo cambiarla ma il prezzo per togliere è allucinante vorrei abbassarla almeno di 1 metro si può fare

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno e grazie per il commento,

      per risponderle in modo più accurato dovrebbe indicarci l’altezza attuale della siepe

      A disposizione

  37. Antonio ha detto:

    Salve ho acquistato 70piante di cipresso leylandii alte circa 80/90 cm per la mia nuova siepe vorrei sapere a che distanza dal muro di confine devo stare visto che il muro è alto 2 mt e vorrei farla arrivare a 2,50 ?

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,

      almeno 80cm per permettere alle piante di ricevere un circolo d’aria adeguato. La invitiamo comunque ad informarsi presso il suo comune di residenza se è presente un regolamento di polizia rurale che detta regole come ad esempio altezza massima consentita e distanza minima da muri/recinzioni divisorie.

      a disposizione
      Saluti

  38. Luciano Abbategiovanni ha detto:

    Buongiorno, l’anno scorso a marzo ho piantato circa 60 piante di Leylandi per realizzare una siepe. Dopo quasi un anno non ho avuto la crescita che speravo ed alcune piante hanno assunto un colore rossastro.
    Cosa mi consigliate di fare?

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno,
      Le ha forse piantate troppo in profondità? Il colletto delle piante (wikipedia) è in linea con la superficie del terreno o è interrato? Se vuole può inviarci delle foto e saremo più precisi nella risposta, le può inviare a [email protected]
      A disposizione
      Saluti

  39. Elena ha detto:

    Buonasera, ho bisogno del vostro aiuto, questo è il secondo inverno della mia siepe composta da 60 piantine di tuja Leylandi, è piantata in montagna a 1000 metri di altitudine. Le pintine erano belle rigogliose alte circa un metro e mezzo, purtroppo quest’inverno c’è stata una copiosa e inaspettata nevicata, neve pesante che ha piegato le pintine sulle punte ferendone parecchie. Qualche ramo laterale è spezzato, quelli centrali sono stati piegati, feriti ma non spezzati, alcune di sono aperte con il peso della neve. Ho speranza di salvarle? Se si, cosa mi consigliate di fare? Posso inviare anche delle foto. Grazie per la cortese risposta. Elena.

    1. My Green Help ha detto:

      Buongiorno Elena e grazie per averci contattato,
      ci invii pure delle foto a [email protected]
      Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *